• Studio Legale Lima Zega

Trasferimento immobiliare in esecuzione di accordi di separazione o divorzio.

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con sentenza n. 21761/2021, hanno stabilito che con l’atto giudiziario che ratifica l’accordo di separazione o di divorzio è possibile trasferire i beni immobili da un coniuge all’altro o a favore dei figli, senza passare obbligatoriamente dal notaio.


Gli accordi dei coniugi sono insindacabili da parte del giudice, che tanto in sede di separazione quanto in occasione del divorzio, può verificare solamente l’inadeguatezza delle disposizioni in favore della prole, o in caso di divorzio la mancanza dei requisiti di legge per la cessazione degli effetti civili del matrimonio. Ma il Tribunale non può in ogni caso sindacare le scelte negoziali compiute dalle parti nella regolazione di tutti i loro rapporti; di fatti, imporre alle parti di limitarsi a contrarre un preliminare di vendita e acquisto anziché il trasferimento immediato dei diritti immobiliari, significherebbe incidere in modo indebito sull’autonomia privata delle parti, costituzionalmente tutelata.


Le Sezioni Unite hanno dunque affermato un importante principio di diritto: Le clausole dell’accordo di divorzio a domanda congiunta, o di separazione consensuale, che riconoscano ad uno o ad entrambi i coniugi la proprietà esclusiva di beni mobili o immobili, o di altri diritti reali, ovvero ne operino il trasferimento a favore di uno di essi, o dei figli, al fine di assicurarne il mantenimento, sono valide in quanto il predetto accordo, inserito nel verbale di udienza redatto da un ausiliario del giudice e destinato a far fede di ciò che in esso è stato attestato, assume forma di atto pubblico ex art. 2699 c.c. e, ove implichi il trasferimento di diritti reali immobiliari, costituisce, dopo la sentenza di divorzio (che, rispetto alle pattuizioni relative alla prole e ai rapporti economici, ha valore di pronuncia dichiarativa) ovvero dopo l’omologazione, valido titolo per la trascrizione ex art. 2657 c.c., presupponendo la validità dei trasferimenti l’attestazione del cancelliere che le parti abbiamo prodotto gli atti e rese le dichiarazioni di cui all’art. 29, comma 1-bis, della l. n. 52 del 1985, mentre non produce la nullità del trasferimento il mancato compimento, da parte dell’ausiliario, dell’ulteriore verifica soggettiva circa l’intestatario catastale dei beni e la sua conformità con le risultanze dei registri immobiliari.

5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti